Questo sito fa uso dei cookie al fine di facilitare la navigazione. Leggi l'informativa.

mercoledì 20 marzo 2019

Goccia dopo goccia

Goccia dopo goccia

Nel giorno mondiale dell’ACQUA – World Water DAY, lo scorso 22 Marzo 2019 – i ragazzi dell'indirizzo di chimica e biotecnologie ambientali dell’ITT Buonarroti-Pozzo, con la collaborazione di GTV - Gruppo Trentino di Volontariato, hanno realizzato una Conferenza dedicata all’acqua e ai cambiamenti climatici. Goccia dopo goccia è il nome della mattinata di lavoro che si inserisce nel percorso di Educazione alla Cittadinanza Globale portato avanti da GTV in alcune classi dell’Istituto sul tema dei cambiamenti climatici e delle drammatiche conseguenze sulla risorsa idrica. Tale percorso si inserisce nel progetto di cooperazione internazionale “Acqua per tutti”.

L’obiettivo della conferenza è duplice: sensibilizzare alla tematica ambientale e al contempo riflettere sulle interconnessioni del mondo globale, offrendo esempi non solo dal territorio trentino ma anche dal resto del mondo.

La conferenza iniziata alle 8:00 e conclusasi alle 10:30 presso l’Aula Magna dell’Istituto, è stato anche un momento di restituzione del percorso ai compagni di scuola e un’occasione di confronto e dialogo tra gli studenti, ma non solo. Ad accompagnare i ragazzi e le ragazze durante la mattinata di lavoro, è intervenuto Roberto Barbiero, esperto sul clima e socio di Viração & Jangada, associazione partner del progetto “Acqua per tutti”. Inoltre, molto preziose sono state le testimonianze di alcuni giovani studenti trentini di ritorno da Katowice in Polonia, dove hanno vissuto da protagonisti la Conferenza ONU sul Clima (COP24) nel dicembre scorso.

La conferenza presentata e condotta dai ragazzi di 5a CBA, ha coinvolto 300 studenti dell'Istituto che hanno avuto l'opportunità di informarsi rispetto al proprio uso dell’acqua e di attivarsi con comportamenti sostenibili. Dalla problematica delle plastiche nell’oceano, alla rapidità della fusione dei ghiacciai, non solo nelle nostre amate montagne, ma in tutto il mondo, al consumo invisibile dell’acqua per gli allevamenti intensivi di carne o per la produzione di alcuni capi di abbigliamento. Tante informazioni e tante possibilità per attivarsi e agire in maniera responsabile nell’unico pianeta di cui disponiamo.

Ad impreziosire l'aula magna dell'Istituto è stato allestito il reportage fotografico di Alberto Prina, direttore del Festival della Fotografia Etica, appena rientrato dalla provincia di Ha Giang, nel Nord del Vietnam, dove ha documentato per GTV la vulnerabilità climatica di questo territorio e l'intervento che GTV sta realizzando per questa comunità con il progetto “Acqua per tutti”.

La sensibilità di GTV verso il tema dell’acqua e dei cambiamenti climatici nasce a seguito dell’esperienza maturata in questa provincia remota del Nord del Vietnam, segnata da un grave problema di scarsità d’acqua e di vulnerabilità agli eventi estremi. Proprio in questa zona GTV è impegnata nella realizzazione di un acquedotto e nell’organizzare percorsi di sensibilizzazione della comunità vietnamita ai temi legati alla qualità dell’acqua e ai rischi igienici e sanitari. La storia di Anh, un bambino che dopo aver partecipato ad una campagna per la qualità dell’acqua di GTV ha convinto i propri genitori a cambiare i propri comportamenti stando più attenti alla qualità dell’acqua, ci aiuta a capire quanto importanti sono i progetti di cooperazione internazionale allo sviluppo. Essi portano diretto sollievo ai più vulnerabili e dimenticati del mondo e nel contempo ci danno l’occasione per riflettere sulle questioni globali e di come partecipare attivamente per risolverli. Per stare al mondo in maniera solidale e responsabile, l’unica maniera possibile per dare un futuro ai nostri figli.